Dopo “Scala Mercalli”, chiude anche “Ambiente Italia”

| scritto da | ,

Con un post su Facebook datato 10 settembre, lo storico conduttore Rai Beppe Rovera ha annunciato alla rete la chiusura del programma Tv Ambiente Italia. La trasmissione è andata in onda dal settembre del 1990 su RaiTre nazionale dalle 14.50 alle 15.50 prima e, dopo, dalle 13 alle 14. Nell’ultima edizione era poi stata ridotta a mezz’ora.

Ambiente Italia ha raccontato per oltre vent’anni “il Paese in diretta, coi suoi mali, le sue meraviglie, le sue ambiguità. Una partecipazione corale, voci, confronti, inchieste sull’onda della stretta attualità. Per capire, supportati da fonti scientifiche autorevoli, chiedendo conto a chi di dovere. Una trasmissione onesta, utile, a disposizione dei cittadini. Di servizio. Da quest’anno è sparita dal palinsesto. Amen”. Sono queste le parole utilizzate da Rovera per descrivere il fatto.

ambiente-italia-rai

Sin da subito non sono mancati i commenti e i messaggi di indignazione e, quindi, di vicinanza, da parte del pubblico. Come hanno evidenziato in molti, tra semplici utenti ed esponenti green (per esempio Antonio Cianciullo e Sergio Ferraris), si tratta di una perdita assai consistente, che va ad aggiungersi alla precedente chiusura di “Scala Mercalli”.

La decisione di interrompere il programma rappresenta dunque un altro duro colpo per il mondo della comunicazione ambientale. Per chiedere il ripristino sia di Ambiente Italia sia di Scala Mercalli sono state lanciate due petizioni online sul sito Change.org. Come ha scritto il giornalista Sergio Ferraris, “vogliamo il ripristino della trasmissione Ambiente Italia. Vogliamo continuare a essere informati, specialmente dal servizio pubblico sull’ambiente nella nostra nazione. La chiusura di Ambiente Italia non è un bel messaggio, in un’Italia che sembra essere disinteressata ai cambiamenti climatici, dove le rinnovabili arretrano – mentre in tutto il Mondo, Stati Uniti compresi aumentano – dove l’inquinamento urbano dell’aria ormai non è più urbano, ma interregionale come in Pianura Padana – che è una delle regioni europee tra le più inquinate, dove abbiamo 57 siti altamente inquinati, d’interesse nazionale o regionale con le bonifiche praticamente a zero e dove brevettiamo in Giappone case antisismiche e poi non le costruiamo ad Amatrice. Abbiamo bisogno d’informazione ambientale, per migliorare la nostra vita e quella dei nostri figli. Ambiente Italia non era solo denuncia. La squadra della trasmissione erano anche capaci di cogliere la bellezza del nostro paese. I luoghi, la cultura, le bellezze e il paesaggio erano altri punti cardine della sua trasmissione nella quale questi contenuti erano alternati ai disastri ambientali. Ambiente Italia è l’essenza del servizio pubblico e vogliamo che ritorni nei palinsesti Rai, perché essere informati con competenza, attenzione e profondità sullo stato dell’ambiente dove viviamo è un nostro diritto di cittadini”.

 

Redazione

Un commento su “Dopo “Scala Mercalli”, chiude anche “Ambiente Italia””

Lascia un commento