Le società quotate in borsa comunicano poco i bilanci di sostenibilità

Sono poche le aziende quotate in Borsa che forniscono dati precisi a proposito dei risultati delle loro azioni in termini di minori emissioni e/o minore consumo di risorse. È quanto sostenuto da una ricerca di Bernoni Grant Thornton e condivisa da Repubblica.

Solo il 20% delle società quotate al segmento STAR di Borsa Italiana fornisce dati precisi (in termini di minori emissioni /minore consumo di risorse) circa i risultati delle proprie azioni; un altro 20% informa di aver incrementato l’uso di energia da fonti rinnovabili, tramite impianti propri o tramite acquisto di energia ‘certificata’ come rinnovabile.

Per Repubblica il trend è però incoraggiante, in quanto “tutte le 70 società del segmento, sebbene alcune in maniera superficiale, affrontano il tema dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale”. Si va dalle semplici politiche di monitoraggio delle emissioni dei cicli produttivi a investimenti per ridurre i consumi, dall’uso di fonti energetiche rinnovabili all’attenzione alla selezione delle materie prima.

Secondo i dati del Politecnico di Milano, gli investimenti in efficienza energetica sostenuti dalle imprese italiane nel loro complesso nel 2017 è stato pari di 6,7 miliardi di euro. Nel giro del 2021 si stima che le risorse supereranno i 10 miliardi di euro. Eppure, come scrive ancora il quotidiano, “sulla condivisione di obiettivi e risultati, dall’analisi emerge che servono sforzi maggiori: se si osservano i bilanci delle imprese in termini di programmi di sensibilizzazione verso i propri dipendenti, lo scenario risulta essere ancora peggiore”.

La notizia è stata anche approfondita nelle nostre #EnviNews, le video-notizie postate ogni giorno sulla nostra Pagina Facebook. Se te le fossi perse, vai sul canale YouTube di AICA!

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *