Le migliori azioni della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 2017

serr-itaSi terrà il 13 Aprile 2018 a Catania, presso la sala convegni del Decimo Salone Internazionale “Comfort”, la cerimonia di premiazione della nona edizione della Settimana Europea per la riduzione dei Rifiuti (SERR), tenutasi in tutta Europa dal 18 al 26 novembre 2017.

L’appuntamento è per le ore 11h00 e i finalisti italiani della SERR 2017 saranno introdotti dai membri del Comitato Promotore Nazionale (composto da Ministero dell’Ambiente, UNESCO, Utilitalia, Città Metropolitana di Torino, Città Metropolitana di Roma, Legambiente, ANCI e AICA – Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale) che hanno selezionato le migliori azioni per ogni categoria.

A premiare i vincitori saranno invece gli sponsor e che hanno supportato e reso possibile la realizzazione di questa edizione, ovvero i Consorzi di Filiera per il recupero degli imballaggi (CONAI, CiAl, Corepla, Coreve, Ricrea, Rilegno e Comieco).

L’edizione 2017 della SERR ha visto ben 4.422 azioni realizzate in Italia. Come ogni anno pubbliche amministrazioni, imprese, istituti scolastici, associazioni e singoli cittadini hanno ideato e realizzato azioni volte a sensibilizzare sul tema della riduzione dei rifiuti. Ogni singola azione, a prescindere dal numero di persone coinvolte e dalla quantità di rifiuti evitati, è stata fondamentale nel contribuire all’obiettivo di promuovere, tra i cittadini, una maggiore consapevolezza sulle eccessive quantità di rifiuti prodotti e sulla necessità di ridurli drasticamente. Scegliere le azioni finaliste è quindi stato un compito difficile. I criteri usati per la scelta sono stati, fra gli altri, l’innovatività dell’azione proposta, l’impatto generato dall’azione, la visibilità dell’azione in termini comunicativi e la replicabilità dell’azione.

Chi sono i finalisti

Ciascun sponsor premierà una categoria tra Pubbliche amministrazioni, Imprese, Associazioni, Istituti Scolastici e Cittadini. Gli action developer finalisti, ovvero coloro che hanno realizzato un’azione durante il periodo della SERR e per la cui azione sono stati nominati tra i più meritevoli, sono:

 

  • Per la categoria Pubbliche Amministrazioni:

  • L’azione “Sicilia Rigenera” -Ufficio Speciale Raccolta Differenziata

L’Ufficio Speciale per la Raccolta Differenziata in occasione della SERR ha introdotto tutti i 390 comuni siciliani alla SERR promuovendo la realizzazione di azioni ed eventi rivolti a dare una seconda vita agli oggetti “in fin di vita” così come l’adozione di comportamenti favorevoli alla Raccolta Differenziata Porta a Porta. Il risultato è stata la registrazione di 153 azioni (fra cui azioni di educazione ambientale nelle scuole; visite a impianti di riciclaggio; azioni di pulizia straordinaria del territorio; convegni e conferenze etc.) con una partecipazione stimata di circa 6.000 persone, fra cui 3.000 studenti. Questo “coordinamento” siciliano dal basso ha inoltre dato vita a un grande tam tam mediatico, che ha portato la SERR a ricevere una grande visibilità e diffusione nell’isola, sia sui media tradizionali che sui new media.

  • “Educazione all’economia circolare: le tue scarpe al centro” – Agenzia Prevenzione Ambiente Energia dell’Emilia-Romagna

L’Agenzia regionale Prevenzione Ambiente Energia (Arpae) e i Centri di educazione alla sostenibilità dell’Emilia-Romagna hanno coinvolto 15 Centri afferenti a 40 Comuni della Regione in un progetto educativo e dimostrativo di economia circolare. In una prima fase sono stati realizzati dei materiali informativi digitali e una capillare opera di sensibilizzazione rivolta a scuole, società sportive locali e quartieri per presentare il progetto. Nella seconda fase cittadini e ragazzi hanno partecipato a decine di eventi nelle città nei quali hanno portato con sé le proprie scarpe da ginnastica usurate. Queste ultime saranno trattate per diventare un granulato di morbida gomma e quindi dei tappetini utili ad allestire le aree giochi dei bambini nei parchi pubblici e verranno donati ai comuni terremotati del centro Italia per l’allestimento delle loro aree giochi.

3) OMINI ELETTRICI – Comune di Alessandria presso centro di riuso creativo Remix

Il Comune di Alessandria, presso il suo Centro di Riuso Creativo Remix, ha organizzato diverse azioni, fra cui un laboratorio per adulti di riciclo di stoffe; un laboratorio denominato “Super Omini Elettrici” in cui dei giovani makers, dai 5 agli 11 anni, hanno riciclato componenti elettriche ed elettroniche, per costruire sculture e robot; un’attività volta a recuperare libri per bambini e adulti per dare loro nuova destinazione e utilizzo; una “Swap Merenda”, per dare una seconda vita a vestiti, accessori, giochi e tutto quello che viene in mente legato all’infanzia. Il risultato è stato il coinvolgimento di bambini, adulti, famiglie in attività ludico-ricreative che hanno consentito di sensibilizzare sul tema del riuso in modo divertente, così come di approfondire la conoscenza e le possibilità di riutilizzo delle componenti dei RAEE, spesso tralasciati come tipologia di rifiuto in quanto considerata complicata da gestire.

 

  • Per le Imprese:

1) Riuso eco-solidale – BNL Spa
L’azione promossa da BNL Spa verte sul riuso eco-solidale di mobili e arredi delle ex-sedi a Roma e ha consentito di donare a associazioni, organizzazioni di volontariato e altre realtà selezionate l’equivalente di 4 campi da calcio di beni aziendali in dismissione quali scrivanie, cassettiere, armadi e sedie. In un primo momento, grazie al coinvolgimento dei 15.000 dipendenti italiani di BNL, sono state identificate circa 300 realtà passibili di diventare destinatari dei beni quali scuole e enti no profit. BNL ha poi sottoscritto un accordo con Legambiente al quale ha ceduto gratuitamente i propri beni aziendali per il riutilizzo sociale, e Legambiente ha poi provveduto a riallocare i beni secondo le esigenze. L’iniziativa pilota, che è attualmente in corso di valutazione, apre la pista alla realizzazione di uno standard di gestione delle chiusure delle sedi aziendali che verrà esteso e riutilizzato anche in occasione di ulteriori chiusure di sedi o di rinnovo di agenzie.


2) DECO STREET LIBRARY – Deco SpA

Deco Street Library è un progetto che coniuga sostenibilità ambientale e amore per la lettura. L’azione proposta ha portato alla realizzazione di due librerie di strada itineranti: una dedicata ai più grandi ed un’altra dedicata ai più piccoli (la Deco Street Library Junior). Le piccole librerie, a forma di casetta, sono state realizzate a mano con materiali di riuso come pallet, pvc e plexiglass e custodiscono libri di vario genere. I lettori possono prendere in prestito i testi con l’impegno di riporli nelle casette una volta letti, e aggiungere alla libreria i titoli in loro possesso ai quali non sono più interessati. Le due librerie mobili sono state posizionate per tutta la durata della SERR nel Parco Villa Sabucchi a Pescara, tra le zone verdi più frequentate della città adriatica, con l’obiettivo non solo di promuovere lo scambio di libri ma anche di sensibilizzare i passanti sulle possibilità dell’economia circolare e del riuso.

  • Mercatino Franchising e Usato Firmato

Action developer della SERR ormai da diversi anni, anche nel 2017 Mercatino Franchising ha promosse diverse iniziative. Fra le più significative citiamo la realizzazione dell’app Riù, che consente ai clienti del Mercatino di conoscere l’impatto ambientale dei propri oggetti portati al Mercatino; la raccolta e la pubblicazione sul sito dei dati di impatto ambientale raccolti in media in una settimana-tipo delle quantità di oggetti riutilizzati dai negozi Mercatino; la diffusione, a tutti i dipendenti delle filiali presenti in Italia, di materiali per comunicare ai clienti il valore e le modalità della riduzione dei i rifiuti; la diffusione del Protocollo d’Intesa siglato tra la Città di Torino, Cava de Tirreni e Rete Nazionale Operatori dell’Usato ai comuni aderenti e non alla SERR per avviare la sperimentazione scientifica sull’impatto ambientale del riutilizzo degli oggetti che servirà a quantificare uno sconto sulla Tassi Rifiuti TARI.

 

  • Per le Associazioni:

1) Usa e Riusa la borsa – WWF Napoli e Rete Zero Waste

WWF Napoli e Rete Zero Waste Italia hanno promosso con la loro azione l’utilizzo di borse per pane, frutta e verdura riutilizzabili in rete o in cotone nell’ambito dei mercati cittadini, anche in vista della normativa che dal 1 gennaio 2018 ha vietato agli esercizi commerciali italiani l’utilizzo delle buste in plastica a favore delle buste in mater-bi. Sono stati pertanto organizzati due banchetti in due delle piazze principali di Napoli dove si svolgevano dei mercati orto-frutticoli nel corso dei quali i volontari hanno distribuito borse e retine in cotone prodotte da loro. Contestualmente, ai passanti veniva mostrato come creare delle borse a partire da vecchie lenzuola, t-shirt e scampoli di stoffa. L’azione è stata diffusa attraverso account social (Instagram e Facebook) così come attraverso i siti web istituzionali.

2) Premio ARTE LAGUNA – ARS (Arte Riuso Sostenibilità) DEL VETRO

ARS è un premio dedicato alla Sostenibilità e all’Arte, organizzato nell’ambito del 12° Premio Internazionale Arte Laguna. Il concorso, promosso e ideato in collaborazione con gli Archivi della Sostenibilità dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e realizzato con il sostegno di CoReVe, chiede la presentazione di opere o di prodotti e progetti artistici estesi al design, alla fotografia, alla video-arte e alla performance, che valorizzino il vetro nell’ambito delle strategie RRR (Riuso, Riciclo Riduco). La creazione di questo premio speciale vuole costituire un momento di ulteriore sensibilizzazione sui principi del riciclo. Il vincitore del premio sarà svelato il 17 Marzo 2018 e nella valutazione rivestirà grande importanza sia l’originalità delle opere che la valutazione del loro impatto ambientale affinché esse illustrino le peculiarità del vetro, materiale che è la rappresentazione perfetta dell’economia circolare.

  • Progetto SCART – Fise Assoambiente

FISE Assoambiente, in collaborazione con Waste Recycling, ha promosso un’iniziativa di sensibilizzazione rivolta agli studenti delle scuole secondarie di primo grado di Pisa sulle buone pratiche di riutilizzo degli oggetti. L’iniziativa ha preso la forma di una giornata di sensibilizzazione, tenutasi nelle Officine Scart, sede del progetto nato dalla collaborazione fra Waste Recycling e l’Accademia di Belle Arti di Firenze, nel corso della quale i ragazzi hanno ascoltato le spiegazioni di alcuni esperti del settore sulla gestione dei rifiuti, e sulle necessità di prevenirli, ridurli, riusarli e infine riciclarli. Hanno poi potuto svolgere diverse attività manuali volte a stimolare la creatività e a realizzare prodotti di riuso creativo.

 

  • Per le Scuole:

  • Sopra la Panca-   Eco School Triangia e Fattoria Didattica Lunalpina

L’eco-scuola di Triangia ha aderito alla SERR con un’azione volta a realizzare un elemento di arredo rurale per favorire il passaggio e la convivialità nello spazio pubblico del PLIS di Triangia. Gli studenti hanno riflettuto sullo spazio e sulla raccolta di possibili interventi di arredo rurale ecologico, hanno identificato il luogo dove proporre l’installazione della ECOpanchina di Comunità e le istituzioni locali sono state contattate ai fini di ottenere il permesso per l’intervento pubblico. L’ECOpanchina è poi stata progettata e realizzata a partire dalla tecnica PAPERCONCRETE (carta cemento): lasciando macerare in acqua della carta da riciclare e aggiungendo della polvere di scarto della lavorazione del sasso serpentino si realizza un materiale facilmente modellabile ma estremamente solido una volta asciutto. È stata altresì organizzata una raccolta di carta con la quale sono stati preparati, usando stampi di riciclo, dei mattoncini con i quali è stata realizzata la panchina. Per rifinire e rendere la panca impermeabile è stata infine proposta l’attività di mosaicatura con tessere di vetro riciclate dai campionari dei piastrellisti. L’ECOpanchina di Comunità è stata poi inaugurata, alla presenza della comunità e delle istituzioni locali.

2)Riduci al MINIMO per ottenere il MASSIMO- Istituto di Istruzione Superiore Alessandro Volta

L’I.I.S Volta ha organizzato numerose attività durante tutto l’arco della settimana, con un grande coinvolgimento degli studenti così come con un continuo lavoro di comunicazione sulle attività svolte realizzato prevalentemente attraverso il blog del liceo. Fra le attività più interessanti, segnaliamo un dibattito tra due classi sul tema “La raccolta differenziata è la miglior soluzione per la gestione dei rifiuti?” nel corso del quale le due classi si sono fronteggiate a suon di argomentazioni pro e contro, con tanto di giudice a valutare il punto di vista sostenuto più efficacemente. Sono poi stati organizzati dei seminari, fra cui uno incentrato sulla raccolta differenziata con particolare riferimento ai RAEE e uno sulla riduzione dei rifiuti e sul recupero delle macerie in edilizia rivolto agli studenti del corso CAT. È poi anche stata organizzata una tavola rotonda tra docenti, studenti, personale ATA, e genitori sulla gestione dei rifiuti all’ Istituto con l’obiettivo di identificare proposte concrete per migliorare la situazione ambientale dell’edificio scolastico. Sono inoltre stati realizzati dei prodotti di riuso creativo che hanno fatto l’oggetto di concorsi, uno interno al liceo e uno per Ecolamp – Legambiente Accendiamo l’idea.

3) Il Mercalli verso la “differenziata”… ed oltre: le Buste/Cestino- Liceo Mercalli Napoli

Il Liceo Mercalli ha sviluppato un’azione, in collaborazione con l’azienda di igiene urbana Asia Napoli, per “dare nuova vita” alle buste di plastica non biodegradabili/compostabili. In un primo momento, è stata creata una “banca del riuso” nella quale gli studenti hanno portato inizialmente buste di plastica da riutilizzare e che poi nel tempo è stata adibita alla raccolta di diversi oggetti da scambiare. Contestualmente, gli studenti hanno lavorato per disegnare delle etichette da apporre ai cestini di raccolta differenziata che hanno creato avvalendosi delle buste di plastica da riutilizzare. Le etichette più belle sono state poi stampate da Asia Napoli e apposte sui cestini di raccolta differenziata dei quali tutte le classi dei vari plessi sono state dotate. L’azione ha coinvolto direttamente i 1.300 alunni della scuola e si stima che nella sola settimana della SERR la raccolta differenziata generata dall’inserimento dei cestini sia stata pari a 100kg.

 

  • Per la categoria Cittadini:

  • Baratt’amoSCUP! Sport e cultura popolare

BARATT’AMO è un evento di riuso consapevole di abiti, accessori, libri, giocattoli e quant’altro può essere scambiato nato nel 2012 da un gruppo di amiche che ha creato questo momento per approfittare del cambio di stagione, della nascita dei figli o semplicemente per stare insieme. Negli anni Baratt’amo si è svolto in ambienti pubblici come parchi cittadini e pub, e nel 2017 Baratt’amo è stato organizzato presso lo SCUP di Roma per raggiungere il pubblico dei cittadini impegnati nella promozione dello sport e della cultura popolare. I partecipanti hanno scambiato e/o donato gratuitamente i loro oggetti, ottenendo per ogni materiale iniziale un simbolo/token di scambio utile per prendere altro materiale all’interno del Baratt’amo. L’evento ha promosso l’economia circolare e il consumo critico a partire dallo scambio di oggetti usati. 

  • “Una merenda speciale per Babbo Natale”- Fiuchetin

Nell’ottica di promuovere la sensibilizzazione e l’educazione ambientale attraverso il gioco, questa azione ha visto la realizzazione di un laboratorio per bambini finalizzato a creare un vassoio speciale per contenere la merenda da lasciare vicino all’albero per rifocillare Babbo Natale e le sue renne attraverso l’utilizzo di materiale da recupero. Fra i materiali utilizzati cassette della frutta, cartone degli imballaggi, bottiglie in vetro, tappi da sughero. Sette bambini hanno così giocato con i materiali e con il concetto di riuso.

  • Il Banchetto del Riuso Comitato Mamme in Comune

Il Comitato Mamme in Comune, attivo da diversi anni nell’ambito della SERR, ha organizzato nel 2017 due azioni implicanti diverse attività ciascuna in due scuole del territorio siciliano. Fra queste attività, le più significative sono state delle lezioni frontali volte a sensibilizzare sul tema del riuso e del riciclo, delle attività di pulizia straordinaria del territorio, l’organizzazione di un mercatino del riuso, la realizzazione di decorazioni attraverso il riuso creativo, la realizzazione di una libreria con le cassette della frutta e la contestuale condivisione di libri nello spirito del “book crossing”, la realizzazione di un laboratorio di cucina con gli avanzi (rivolto agli studenti dell’istituto alberghiero) e l’organizzazione di un eco-conferenza plenaria finale per presentare i risultati ottenuti dalle attività realizzate. La sinergia con le scuole e con le aziende di trattamento dei rifiuti locali hanno inoltre consentito agli studenti di contestualizzare le loro azioni nella realtà quotidiana e di approfondire la comprensione delle dinamiche del riciclo e dell’impatto ambientale generato dai propri comportamenti.

L’ingresso è libero e gratuito. Per registrarsi cliccare qui.

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *