Per Natale arriva “Lovecycle”, il corto sul riciclo degli imballaggi

Debutta il nuovo cortometraggio di CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) che racconta il riciclo dei rifiuti di imballaggio. Realizzato con la tecnica dello stop motion e con uno storytelling fiabesco che richiama lo stile di grandi classici dell’animazione come Toy Story, LoveCycle narra la storia di sei protagonisti (una pinzetta, una caffettiera, un libro, una cassettiera, un paio di occhiali e una bottiglia) che tornano a casa dei genitori-imballaggi in occasione delle vacanze di Natale.

conai

I “figli” degli imballaggi

LoveCycle ribalta l’approccio classico sul riciclo, che si focalizza sui rifiuti di imballaggio, per concentrarsi sui prodotti che nascono da questo processo, sei personaggi fantastici protagonisti di un lungo viaggio alla ricerca dei loro “genitori naturali”, gli imballaggi in acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro.

Il viaggio simboleggia l’insieme delle attività e degli utilizzi dei prodotti durante il loro ciclo di vita, e termina con l’incontro gioioso tra genitori e figli, che sfuma sulla panoramica di un’intera cittadina, magica e incantata, fatta di imballaggi e prodotti generati da materia riciclata, ribattezzata Conai Town.

Il trailer distribuito nei cinema

Il video è on-line sui profili social di Conai mentre fino al 1° gennaio il trailer di LoveCycle sarà distribuito in 1.790 sale cinematografiche del circuito RAI – Moviemedia in tutta Italia.

 

“In occasione delle vacanze di Natale abbiamo voluto raccontare la magia del riciclo degli imballaggi” ha dichiarato Walter Facciotto, Direttore Generale di CONAI. “Una magia basata su una e vera propria filiera industriale e che ci consente di avere performance di riciclo inferiori in Europa alla sola Germania. Anche grazie al gesto di responsabilità di milioni di italiani che ogni giorno svolgono correttamente la raccolta differenziata”.

LoveCycle” è stato ideato da J. Walter Thompson, e realizzato dallo studio Dadomani.

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *