Spreco di cibo: i consigli di Comieco per le vacanze estive

Mare o montagna? Qualunque sia la vostra scelta per le vacanze di agosto, ecco alcuni consigli di Comieco – Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi in Carta e Cartone per non sprecare cibo.

Con le temperature torride di quest’estate, infatti, i prodotti alimentari possono deteriorarsi più facilmente, ma, con alcuni piccoli accorgimenti, è possibile prolungare la loro shelf life con un notevole risparmio, sia ambientale che economico.

 

L’Italia si colloca al 4° posto nella classifica mondiale della sostenibilità del sistema alimentare. Ciò nonostante o si buttano ogni anno nella spazzatura 145 chili di cibo per abitante. Ogni giorno le famiglie gettano 100 grammi di cibo a testa: 36,92 kg di alimenti all’anno, per un costo di 250 euro annui (anche se è il 40% in meno rispetto al 2016).

Eppure, nonostante il dato positivo, si può fare di più.

Ecco i 6 consigli di Comieco:

1. Frutta e verdura deperiscono meno rapidamente se conservate nel loro imballaggio originale. Bisogna però ricordarsi di riporle i prodotti in frigorifero se erano in fresco durante l’acquisto.

2. Sugli scaffali, ma anche nella dispensa casalinga, è sempre opportuno leggere attentamente l’etichetta per conoscere:
– la data di scadenza
– le istruzioni per la conservazione e l’uso, non solo sui prodotti che si acquistano per la prima volta, ma anche su quelli abituali
– le modalità di smaltimento dei contenitori usati.

3. Per richiudere l’imballo una volta aperto è bene utilizzare i supporti indicati o forniti.

4. La frutta e la verdura nel vostro frigorifero sono troppo fredde? La temperatura troppo bassa dentro il frigorifero non aiuta a conservare meglio il cibo, ma piuttosto a sprecare l’energia. La temperatura ottimale è quella tra 1 e 5 gradi.

5. Ognuno di noi può contribuire alla sostenibilità alimentare non sprecando il cibo, ad esempio riponendo nel proprio frigorifero un’apposita scatola per i prodotti a scadenza ravvicinata.

6. Chiedere la doggy bag o family bag al ristorante, quando non si riesce a consumare per intero il proprio pasto.

 

Buone vacanze dalla redazione di Envi.info. Ci si rivede dopo il 20 agosto!

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *