Premio AICA

Il Premio AICA – istituito nel 2004 – si pone l’obiettivo di premiare chi, attraverso campagne di comunicazione, porta all’attenzione dei cittadini i problemi ambientali, contribuendo alla creazione di una coscienza e di una cultura ambientale.

Il Comitato Scientifico e i Soci di AICA esprimono la propria preferenza, basandosi su 5 criteri di valutazione:

  • l’interesse professionale o culturale per le tematiche legate alla comunicazione ambientale;
  • l’efficacia divulgativa del linguaggio, sia visivo che verbale;
  • l’utilizzo originale e innovativo dei mezzi di comunicazione;
  • la scelta di metodologie comunicative che portino a un reale cambiamento nei comportamenti;
  • la capacità di raggiungere un’ampia estensione divulgativa e territoriale.

Il premio è nato con la sezione “COMUNICARE CON I CITTADINI FA BENE ALL’AMBIENTE” con lo scopo di portare all’attenzione del pubblico i temi della comunicazione ambientale.

Il premio vuole rappresentare un riconoscimento per tutti coloro che hanno saputo declinare le complesse tematiche ambientali in un linguaggio divulgativo, contribuendo in maniera determinante a creare una più consapevole cultura ambientale.

Dall’edizione 2006 si affianca una sezione speciale denominata “COMUNICARE I CAMBIAMENTI CLIMATICI” (ex COMUNICARE IL PROTOCOLLO DI KYOTO) con lo scopo di portare all’attenzione del pubblico le tematiche connesse al protocollo di Kyoto, come la riduzione delle emissioni di CO2 e l’efficienza energetica.

Dall’edizione 2008 è stata aggiunta un’altra sezione: “IL PREMIO ALLA CARRIERA BEPPE COMIN”, che vuole dare un riconoscimento all’impegno di una vita spesa al fianco dell’ambiente.

Leggi il regolamento completo del Premio.

Condividi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>