#GreenNewYear

Come molti dei nostri lettori sanno, alla fine del 2014 abbiamo lanciato il #GreenNewYear contest. Lo scopo del contest era quello di raccogliere i migliori auguri per un 2015 “green”, e di poter esprimere a voce alta i nostri auspici in questo senso.

Abbiamo rivolto ai vincitori qualche domanda per capire meglio cosa intendessero con il loro tweet, e quali azioni possiamo mettere in atto per perseguire la realizzazione del suo augurio.

As many of our readers know, at the end of 2014 we have launched the #GreenNewYear contest. The goal of the contest was to collect the best wishes for a green 2015, and also to say out loud what our desires in that behalf are.

We have asked to the winners a few questions in order to better understand what they  means with them wish, and what actions we can take to pursue it.

Interview to Piotr Barczak

Intervista a Letizia Palmisano

Intervista a Paolo Contò

Interview to Piotr Barczak

(Italian version below)Piotr Barczak

Congratulations Piotr for you tweet “#GreenNewYear. Yes! One big wish: unleash the potential of the #circulareconomy in Europe ASAP! And save lives with #cleanair package”. Here we have the room to go a bit more in depth with your desire. What does it mean ideally, and what do you suggest to fulfill it, practically?

With the support of other colleagues, we have been working on a draft proposal for a Circular Economy Package 2.0 for the European Commission. As you may already know,

Europe sends over 50% of its waste straight to landfill and incinerators, generating toxic and climate damaging emissions, destroying valuable resources and resulting in a huge missed opportunity for job creation. Waste finds its way into every corner of the natural environment, from the deepest ocean trenches to the Arctic, and even in the food we eat.

Keeping waste in the material cycle would create 860,000 jobs and save 415 Mt of carbon emissions by 2030. It would also make the European economy more resilient to resource shortages and price increases. Ambitious EU waste policies would improve Europe’s resource efficiency and quality of life by moving towards a circular economy.

In order to unleash the potential of circular economy, as part of the review of the Waste Framework, Landfill and Packaging Directives, we call upon the EU to:

  • Set a binding EU material reduction target based on the Total Material Consumption indicator.
  • Set a zero residual waste target (the waste that is not re-used or recycled) by 2025.
  • Introduce binding waste prevention targets for municipal, commercial and industrial waste at the European and national levels.
  • Set preparation for reuse targets for municipal solid waste and packaging, with targets for – at a minimum – textiles and furniture, based on the weight of material per capita put back on the market by approved re-use centres..
  • Increase recycling targets to at least 70% of municipal solid waste, using only one harmonised methodology for all Member States to report on, based on the recycling output.
  • Set a binding quantitative marine litter reduction target of 50%
  • Introduce obligatory separate collection of waste by 2020,
  • Promote economic instruments that support the full implementation of the waste hierarchy
  • Design out single-use, non-recyclable products and toxic materials such as microplastics and oxo-fragmentable plastics.
  • Ban landfill and incineration by 2020 for all recyclable and compostable waste. Ban the financing of incinerators and landfills via structural and cohesion funds.

It is clear that you are not “new” in the field of environment. Who is Piotr Barczak and what is your professional role?

I was born in Poland in 1984. I’ve studied in Poznan and Bremen, and I hold a Masters degree in Geography with a specialisation in Spatial Management and Regional Development. I’ve started my professional career as a land surveyor for a private company providing technical analysis of urban and coastal areas and in 2010 I’ve started working in the Polish Ministry of the Environment where I joined the International Cooperation Unit. In 2011 I was sent to Brussels to reinforce the Environmental Policy Unit at the Permanent Representation of Poland to the EU. After a successful Polish Presidency at the Council I decided to leave the diplomatic service and join the NGO world where I worked on shale gas and landgrabbing in Africa. I’ve worked in several missions in the Democratic Republic of Congo and South Sudan collaborating with Caritas and the UN Mission to South Sudan. I’ve come back to Brussels in 2013 to join the EU Policy Team of the European Environmental Bureau working on air pollution and waste. I am now responsible for the waste policy at the EEB representing the voice of around 140 national NGOs dealing with environmental protection. I chair the EEB Waste Working Group which consists of waste experts from Member States with hands-on experience in waste management and prevention measures and I collaborate closely with the Zero Waste International Alliance as well as with municipalities, progressive industry and waste management organizations

Thank you for having participated to the contest. What do you think of these kind of tools for environmental communication?

It is good to link out environmental communication to any events that are around. The contest was linked to the New Year Theme, and our environmental desires came out as wishes for 2015. That is a bit for fun.

But we should not fall in this too much and rather quickly react that our desires are not only empty wishes!!! Politicians and business often say that us NGOs have a long list of wishes. But this is not true anymore. My organization EEB is a serious stakeholder that is strongly criticizing when there is a need but we are also forward looking and preparing suggestion and solutions on how to achieve our “wishes”.

Secondly, after a though I think that our “green wishes” are also a mark of times that we live in. Imagine this: how is it possible that our “wish” is to live in a healthy, non-polluted environment? It is our HUMAN RIGHT to live is a healthy and non-polluted environment! So it should not be a WISH but a DEMAND! It is like if a child would wish: “I wish not to be hungry”, “I wish not to be beaten” or “I wish to be able to go to school”. How sad would that be? WE need to reverse the narrative and show that: “Why on earth my wish is to live healthy? It should be my right which stands in most of EU countries constitutions!”. But it shows in what difficult times we are living…. So I find this action very valuable, but I would ask you to highlight the point I want to make here. Thanks.

Intervista al vincitore inglese, Piotr Barczak

Congratulazioni Piotr per il tuo tweet “#GreenNewYear. Si! Un grande deisderio: liberare il ptenziale dell’economia circolare in Europa quanto prima! E salvare vite con il pacchetto “aria pulita””. Qui abbiamo lo spazio per approfondirlo. Cosa significa il tuo desiderio, e cosa suggerisci per renderlo possibile?

Insieme ad altri colleghi, abbiamo lavorato su una bozza di proposta per il pacchetto Economia Circolare 2.0 per la Commissione Europea. Come forse già saprete, l’Europa invia più di 50% dei propri rifiuti direttamente in discarica e negli inceneritori, causando delle emissioni dannose per l’ambiente e tossiche, distruggendo delle risorse preziose e causando la perdita di numerose opportunità di creazione di lavoro. I rifiuti arrivano ormai in ogni angolo dell’ambiente naturale, dalle correnti più profonde degli oceani fino all’Artico, e anche nel cibo che mangiamo.

Tenere i rifiuti nel ciclo materiale creerebbe 860.000 posti di lavoro e ci farebbe risparmiare 415Mt di emissioni di carbonio entro il 2030. Permetterebbe anche all’economia europea di diventare più resiliente di fronte alla scarsità di alcune risorse e del conseguente aumento dei prezzi. Delle politiche sui rifiuti ambiziose della UE migliorerebbero l’efficienza delle risorse europee così come la qualità della vita, andando nella direzione di un’economia circolare.

Per poter dunque liberare il potenziale dell’economia circolare, chiediamo alla UE di rivedere le direttive sui Rifiuti, Discariche e Imballaggi in modo da:

  • Fissare un obiettivo vincolante di riduzione materiale basato sull’indicatore di Consumo Materiale Totale
  • Fissare un obiettivo di rifiuti residui zero (parliamo dei rifiuti non riutilizzati o riciclati) entro il 2025.
  • Introdurre degli obiettivi di prevenzione dei rifiuti vincolanti per i rifiuti urbani, commerciali e industriali a livello europeo e nazionale.
  • Preparare gli obiettivi di riuso per i rifiuti solidi urbani e per gli imballaggi, con degli obiettivi almeno sui rami tessile e di arredamento, basati sul peso del materiale pro capita rimesso sul mercato dai centri di riuso certificati
  • Aumentare gli obiettivi di riciclaggio almeno al 70% dei rifiuti solidi urbani, usando un’unica metodologia armonizzata per tutti gli Stati Membri per monitorare il tasso di riciclaggio
  • Stabilire un obiettivo di riduzione del marine littering del 50%
  • Introdurre l’obbligo della raccolta differenziata entro il 2020
  • Promuovere strumenti economici che sostengano la piena implementazione della gerarchia dei rifiuti
  • Bandire l’utilizzo dei prodotti non riciclabili e tossici monouso quali le microplastiche e le plastiche oxo-frammentabili
  • Bandire le discariche e gli inceneritori entro il 2020 per tutti i rifiuti riciclabili e compostabili, e bandire il finanziamento degli inceneteritori e discariche attraverso dei fondi strutturali e di coesione.

E’ evidente che non sei nuovo “nell’ambiente”. Chi è Piotr Barczak e di cosa ti occupi?

Sono nato in Polonia nel 1984. Ho studiato a Poznan e Bremen, dove ho conseguito un master in Geografia con una specializzazione in Gestion Spaziale e Sviluppo Regionale. La mia carriera professionale è iniziata con un incarico di ricercatore per un’azienda privata fornendo analisi tecniche di aree urbane e costiere e nel 2010 ho iniziato a lavorare nel Ministero polacco dell’Ambiente nell’unità di Cooperazione Internazionale. Nel 2011 sono stato inviato a Bruxelles a rafforzare l’Unità di Politiche Ambientali nella Rappresentazione Permanente della Polonia nella UE. Dopo il periodo di Presidenza del Consiglio della Polonia, ho deciso di lasciare il servizio diplomatico e entrare nel mondo delle ONG dove ho lavorato sul landgrabbing in Africa e sui gas da argille. Ho lavorato in diverse missioni nella Repubblica Democratica del Congo e nel Sud Sudan in collaborazione con Caritas e la missione delle Nazioni Unite. Sono tornato a Bruxelles nel 2013 per raggiungere la squadra dell’Ufficio delle Politiche Ambientali (EEB) dell’Unione Europea lavorando sull’inquinamento dell’aria e sui rifiuti. Attualmente sono responsabile della politica dei rifiuti nella EEB in rappresentanza di circa 140 ONG nazionali che si occupano di protezione ambientale. Presiedo il gruppo di lavoro sui rifiuti della EEB che consiste di una serie di esperti dei Paesi membri con esperienza significativa nella gestone dei rifiuti e nello sviluppo di misure di prevenzione, e collaboro da vicino con l’Associazione Internazionale Zero Waste così come con le amministrazioni comunali e con le organizzazioni di gestione dei rifiuti.

Grazie per aver partecipato al contest. Cosa pensi di questo genere di strumenti per comunicare le problematiche ambientali?

Credo che sia giusto collegare la comunicazione con gli eventi di attualità. Il contest era collegato al tema dell’Anno Nuovo, e i nostri desideri ambientali sono così stati tradotti in auguri per il 2015, con lo spirito della festa e del divertimento.

Tuttavia non credo che dovremmo distogliere l’attenzione dalla serietà con la queale questa questione deve essere affrontata. I politici e le aziende spesso dicono che noi ONG abbiamo una lista di desideri molto lunga. Ma non è più vero. La mia organizzazione, EEB, è un portatore d’interesse serio che manifesta aspre critiche quando è necessario, ma che offre anche soluzioni e consigli su come raggiungere i nostri obiettivi, i nostri “desideri”.

In seconda battuta, mi sono reso conto che i nostri “desideri green” sono un forte appannaggio dei nostri tempi. Provate a pensare: ma come è possibile che il nostro DESIDERIO sia quello di vivere in un mondo salubre, non inquinato? E’ un nostro DIRITTO, non dovrebbe essere un DESIDERIO! E’ come se un bambino desiderasse di non avere fame, o di non essere picchiato, o di andare a scuola. Pertanto, mi domando perché sono costretto ad augurarmi di vivere in maniera salubre… Dovrebbe semplicemente essere garantito dalle costituzioni dei nostri paesi dell’UE!! E questo dimostra in che epoca difficile viviamo. Pertanto, credo che un’iniziativa comunicativa del genere sia molto utile, specialmente se si approfondisce la questione e si entra nel merito di questi auguri e desideri.

Intervista a Letizia Palmisano

Letizia PalmisanoComplimenti per il suo tweet “Siate ambiziosi, onesti, altruisti ed Ecofriendly. È la mia ricetta per un radioso e felice #2015. #GreenNewYear per tutti!“. Qui abbiamo più spazio rispetto ai 140 caratteri di Twitter per approfondirlo, ci dica di più.

I social sono un ottimo strumento di “Sentiment Analysis” delle persone (quantomeno degli utenti della rete) essendo i luoghi virtuali ove spesso si scaricano le emozioni e in particolare le frustrazioni. Leggendo i messaggi di Capodanno, ho notato come fosse un rincorrersi di frasi tipo <<E anche questo 2014 ce lo siamo tolti …“dalle scatole”>>, <<un anno da dimenticare>>, <<Se il 2015 continua come è già iniziato, già è peggio del 2014>>, per citarne alcuni generici, senza scendere nei particolari. Mi sono sentita quasi a disagio nel condividere su Facebook ciò che provavo io, riflettendo sull’anno passato e quello che sarebbe venuto ovvero l’essere carica di energia positiva a… impatto zero. Invece è stato subito feeling con il vostro contest via Twitter e ho condiviso volentieri i miei pensieri in 140 caratteri.
So bene che l’attuale periodo economico spaventa le persone e non sono cieca di fronte alle tante situazioni di difficoltà. Allo stesso tempo sono anche preoccupata per la quasi totalità degli indirizzi politici del Governo e dell’Europa, soffro nel vedere come stiamo riducendo il Paese e il Pianeta, a partire dal Municipio di Roma dove vivo. Tuttavia, da sempre, credo di avere una “deformazione nominale”: mi chiamo Letizia e probabilmente per questo affronto la vita con un’ottica positiva. Le cose da fare ogni giorno sono davvero tante, per se stessi, per la propria famiglia, nella professione, per il Pianeta e tutti i suoi abitanti. Meglio quindi essere efficienti nell’impiego delle risorse: meno lamentele e più tempo ed energie per realizzare ciò che amo fare.
Per uscire dalle crisi (economica, ambientale, sociale) a mio parere è fondamentale impegnarsi a ripensare la società che vogliamo. Si parla di ripartire, ricostruire. Ma si racconta poco cosa si vuol metter su. Il vecchio modello di società ha fallito. Qual è il nuovo che vogliamo? A mio parere non si può prescindere da sentimenti quali l’empatia, la condivisione e la comunione (nel senso etimologico di condividere il pane) che funzionano, creano relazioni e supporto reciproco. Prerequisiti necessari sono l’onestà e la fiducia. L’altruismo? Prendetelo come un investimento, un favore asincrono. Qualcuno magari un giorno vi aiuterà quando ne avrete bisogno e forse non saprete mai il suo nome, ma sarete uniti dallo stesso sentimento di felicità che si prova nell’aiutare e nel ricevere sostegno.
Essere ecofriendly vuol dire essere empatici non solo con la razza umana ma con il Pianeta intero. Quanto si riceve nell’essere “altruisti” con la Terra è mille volte di più di quel che si da.

Si capisce che non è nuova “nell’ambiente”. Chi è Letizia Palmisano? E di cosa si occupa?

La Letizia “privata” è romana, classe 1980, sposata e madre di un bellissimo bimbo di 17 mesi. Tre aggettivi che spero di rispecchiare sono: ecologista (credo di esserci nata), netizen (cittadina della rete) e (quando si può) locavora.
Il mio lavoro è “raccontare”: diventata giornalista nel 2009 per passione, non pensavo che avrei potuto vivere questa esperienza come una professione perché allora la mia attività lavorativa era molto diversa. Cambiai rotta perché volevo sperimentare una strada che mi rendesse entusiasta anche nella sfera lavorativa. Mi volevo occupare direttamente il più possibile di ambiente e comunicazione. Non sapevo ancora bene esattamente come. Conoscevo la meta, la direzione ma non ancora la strada e ho iniziato a camminare. Nel percorso ho studiato davvero tanto e la formazione è continua sia per ciò che concerne i mezzi di comunicazione, sia, ogni volta, su ciò che racconto.
Da anni collaboro con molte testate e giornali che mi permettono di far conoscere storie (che ritengo) molto interessanti e legate, in particolar modo, alle green economy.
Tale attività si affianca a quella di consulenza nel campo della comunicazione 2.0: aiuto chi ha qualcosa da trasmettere a comunicarla al pubblico: aziende, personalità, eventi. Minimo comun denominatore? I progetti che seguo mi devono appassionare perché solo così riesco ad entrare in empatia con il mio interlocutore aiutandolo a farsi conoscere dal pubblico.
Sicuramente mi brillano gli occhi ogni qual volta si tratta di un’azienda green: far emergere quali professionalità, sacrificio e passione ci siano dietro a un brand, in cosa consista in concreto un’innovazione e in che cosa essa sia amica dell’ambiente per poterlo trasmettere attraverso un blog o una pagina social, ti fa sentire parte attiva dell’”ecologia del fare”, quella che fa impresa non sulla pelle ma “in società” con il Pianeta. L’unico tipo di economia rinnovabile che possiamo pensare. Il tutto tramite gli strumenti di comunicazione più interattivi che abbiamo oggi: i social network, grazie ai quali professionisti e appassionati possono mettersi in contatto direttamente con le aziende nella maniera più friendly.

La ringraziamo per aver partecipato al contest. Cosa ne pensa di questo tipo di strumenti per la comunicazione ambientale?

Al giorno d’oggi esiste una grande varietà di strumenti di comunicazione formidabile. Questo permette di poter scegliere le strategie di comunicazione sia in funzione di ciò che si racconta, sia in relazione al pubblico a cui ci si rivolge. Trovo i social molto democratici perché permettono di avvicinare persone, professionisti, aziende, politici e tutti coloro che vogliono rendersi disponibili nell’ascolto e nel rispondere alle loro domande. Nel campo della comunicazione ambientale li ritengo essenziali. Ne abbiamo parlato più di una volta in FIMA, Federazione italiana dei media ambientali, di cui faccio parte come componente dell’ufficio di presidenza, quale referente per il “social media”. E’ stato anche oggetto di una tesi a cui vi rimando che ha approfondito il tema della “rete sociale per comunicare l’ambiente tra social network ed ecologia”. Credo che la troverete molto interessante.

Visita la pagina web e il profilo Twitter di Letizia Palmisano.

Intervista a Paolo Contò

Paolo ContòComplimenti per il suo tweet “#GreenNewYear ti auguro di entrare così in sintonia con l’ambiente, da guardarlo e sentirlo in profondità, scoprendo che dentro…ci sei tu!“. Qui abbiamo più spazio rispetto ai 140 caratteri di Twitter per approfondirlo, ci dica di più.

Se entriamo in sintonia con l’ambiente, e quindi lo guardiamo con occhi nuovi, in profondità, capiamo veramente che ne facciamo parte. La natura non è qualcosa che ci appartiene, ma siamo noi stessi ad appartenere ad essa. Ecco perché con questi nuovi occhi possiamo vedere in essa, come in uno specchio magico, noi stessi. Dentro un lago, sopra la cima di una montagna, nel soffio del vento, in una colata lavica, nel verso di un animale o nel sorriso di un bimbo: noi siamo lì.

Si capisce che non è nuovo “nell’ambiente” della sostenibilità. Chi è Paolo Contò? e di cosa si occupa?

Sono direttore del Consorzio Priula e del Consorzio TV3, che con la loro società Contarina spa abbiamo sviluppato il sistema di gestione rifiuti porta a porta con tariffa puntuale che molti conoscono. Un modello nato 15 anni fa e che ha portato risultati di 85% di raccolta differenziata e un rifiuto residuo inferiore a 50 kg/abitante/anno, con comuni che sfiorano il 90% di RD. Nella mia vita professionale mi sono sempre occupato di ambiente. Ho superato i 51 anni, sposato e 3 figli.

La ringraziamo per aver partecipato al contest. Cosa ne pensa di questo tipo di strumenti per la comunicazione ambientale?

Ho cominciato a usare Twitter e lo preferisco ad altri social per la sintesi e perché non mi assorbe tutto il tempo. Mi sta appassionando. Credo che si debbano usare anche per queste cose belle e utili. Senza dimenticare il contatto diretto fra persone, che da senso e valore al contatto mediato dei social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.