Il Centro di Documentazione Ambientale AICA è realtà

Per gli studiosi e gli appassionati di ambiente Aica – Associazione Internazionale per la comunicazione ambientale – ha inaugurato martedì 19 dicembre il Centro di documentazione ambientale nella sua sede in via Santa Margherita 26, ad Alba.

 

Granaio della memoria ambientale

Il progetto, che contiene una sezione dedicata all’alluvione che colpì il territorio del Tanaro nel 1994, è stato realizzato grazie al contributo della Fondazione Crc, e il supporto di Biblioteche di interesse ambientale, Roberta Audenino ed Envi.info, su cui è caricato il catalogo online.

“Con questo centro si mettono a disposizione percorsi educativi, iniziative di sensibilizzazione e opportunità di formazione sulle tematiche ambientali – spiega Emanuela Rosio, presidente di Aica. “È una delle strade da percorrere per formare una coscienza green nei cittadini giovani e meno giovani, oltre a supportare ricercatori, studenti e docenti nel campo della sostenibilità ambientale”.

Ha partecipato all’evento anche Massimo Scavino, assessore all’ambiente del Comune di Alba, il quale ha definito il centro un “granaio della memoria ambientale”, oltre che “uno strumento di condivisione per usufruire in modo sostenibile del nostro territorio”. È intervenuta poi Laura Campigotto della Protezione civile, che ha aggiunto: “Dobbiamo mantenere la memoria storica per imparare ad adattarci al cambiamento climatico in atto”. “In un’epoca di comunicazione digitale qui ci si può sedere, leggere, meditare, studiare e incontrarsi per parlare di ieri, oggi e domani”, è stato il commento di Roberto Cavallo, storico fondatore di Aica.

Chi vuole frequentarlo per consultare o prendere in prestito documenti, previa prenotazione, da gennaio envi.info saranno pubblicati gli orari di apertura al pubblico.

 

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *