Nuovo centro di documentazione ambientale AICA!

Aumentare la disponibilità di percorsi educativi, iniziative di sensibilizzazione e opportunità di formazione sulle tematiche ambientali è una delle strade da percorrere per formare una coscienza green nei cittadini giovani e meno giovani, oltre a supportare ricercatori, studenti e docenti nel campo della sostenibilità ambientale. Per questo AICA, l’Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale, grazie al contributo della Fondazione CRC e il supporto della Libreria Milton e della rete “Biblioteche di Interesse Ambientale” di ISPRA Ambiente ha dato vita al Centro di Documentazione Ambientale, che sarà inaugurato martedì 19 dicembre alle 17 presso la propria sede di via Santa Margherita 26 ad Alba.

 

Il focus sull’alluvione del Tanaro del ’94

Il Centro di Documentazione Ambientale, con il suo catalogo composto da oltre 1000 volumi e un archivio composto da saggi, rapporti, riviste, materiale in formato VHS e DVD, inerente le tematiche ecologiche, offrirà a tutti gli strumenti per formare una solida conoscenza sul rapporto tra uomo e natura. In particolare, darà la possibilità a studenti, docenti, educatori o semplici cittadini di accedere a contenuti di prim’ordine. L’idea che sta alla base del centro di documentazione ambientale di AICA è infatti quella di riordinare, rispristinare e aprire al pubblico una biblioteca-emeroteca-videoteca sfruttando il materiale gestito dall’associazione fin dalla sua nascita.

Di particolare interesse, visto il grande legame con il territorio albese dove il centro e la stessa AICA stessa hanno sede, una sezione specifica dedicata all’alluvione del fiume Tanaro che colpì nel 1994 Alba e dintorni. Importante anche l’emeroteca, che vede la presenza delle più importanti riviste di settore nazionali e internazionali, come La Nuova Ecologia, L’Ambiente, GSA-Igiene Urbana, Hi Tech Ambiente, Tera e Aqua, Ecoscienza, Nimbus, Gaia, Waste Management & Research.

Il centro di documentazione ambientale sarà aperto a tutti i cittadini (nelle prossime settimane verranno comunicati gli orari di apertura) e si propone di diventare un polo di documentazione, ricerca e promozione culturale sulle problematiche ecologiche, con l’obbiettivo di contribuire alla sensibilizzazione della società. Un centro che guarda già al futuro: è infatti allo studio l’adesione al Sistema Bibliotecario delle Langhe, di cui la Biblioteca di Alba è centro rete, in modo da poter condividere il catalogo online sulla piattaforma della Regione Piemonte “Librinlinea”.

 

Redazione

 

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *