Debutto per il nuovo piano di gestione dei rifiuti della Regione Piemonte


di Silvia Musso

Preannunciata “innovativa” la nuova gestione dei rifiuti della Regione Piemonte. Per comunicarla ai cittadini la Federazione della Sinistra, con il contributo dei gruppi consiliari della Regione Piemonte (Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani e Uniti a Sinistra), ha organizzato “Rifiuti al bivio”, convegno che si terrà venerdì 20 novembre, alle ore 15.30, presso il palazzo Lascaris di via Alfieri 15 a Torino.

Dopo l’apertura, affidata a Nicola de Ruggiero (Assessore all’ambiente della Regione Piemonte), che presenterà il Piano della gestione dei rifiuti, si susseguiranno una serie di interventi che faranno luce sull’argomento. Nell’ordine prenderanno la parola, Attilio Tornavacca dell’Ente di Studio per la pianificazione sostenibile dei rifiuti, che illusterà il sistema di raccolta differenziata finalizzata al recupero di materia; Roberto Cavallo, Presidente della Cooperativa E.R.I.C.A. socia AICA, che farà riferimento alla legislazione sottostante al progetto, in particolare esporrà la Direttiva 98/2008 della Comunità Europea.
Il contributo sulla struttura tecnica e amministrativa per una migliore gestione dei rifiuti sarà affidata a Michele Bertolino di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta. Sarà poi la volta di un altro socio AICA, per mezzo di Marco Maria Camoletto, Presidente Amiat (Azienda Multiservizi Igiene Ambientale Torino), che approfondirà il ruolo delle aziende in questo particolare tipo di management; mentre, Claudio Cavallari (Pro Natura, referente C.A.R.P.), parlerà della riduzione e della tendenza alla produzione di rifiuti pari a zero.
Conclude Gianni Naggi, Responsabile Regionale del Partito di Rifondazione Comunista, Area ambiente e territorio.

All’incontro saranno presenti i Consiglieri regionali Giampiero Clement, Vincenzo Chiappa, Enrico Moriconi, Paola Barassi, Alberto Deambrogio, Juri Bossuto, Sergio Dalmasso.

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *